Saturday, 31 May 2014

La vita da expat

Da quando tengo un blog sono entrata nell’immenso mondo dei blogger, di cui prima quasi ignoravo l’esistenza. Fino a qualche mese fa non ero mai stata una grande frequentatrice di blog, se non per ricercare specifiche informazioni ed uscirne senza nemmeno chiedermi come fosse organizzata la pagina o chi ci fosse dietro.

Ho iniziato un po’ per scherzo, giusto per dare un punto di riferimento alle tante persone che hanno piacere di conoscere i particolari della nostra nuova vita a Darwin, ed ho finito per considerare questo mio piccolo grande spazio unico e speciale, innamorandomi ancora di più della scrittura.


Non avendo (ancora) un lavoro qua a Darwin, il mio blog è ad oggi l’attività a cui dedico sicuramente più passione e più dedizione (oltre alla mia famiglia, s’intende!).
Pian piano sto cercando di imparare sempre più cose su come gestire un blog, perché l’importante, sempre, è evolversi e migliorare.

Così leggo molto (on-line ovviamente, anche se cerco di non trascurare la carta stampata), navigo qua e là, e a volte finisco dentro blog stupendi, ricchi di vita, belli da vedere e ancora di più da leggere. M’intrufolo nelle vite di migliaia di persone, ognuno con le proprie esperienze e cose da raccontare, ma tutti con la stessa voglia di condividere.
In questi pochi mesi mi sono affezionata ad alcuni di essi, in ognuno riconosco pezzi di vita vissuta, in qualche modo ci ritrovo parti di me.
La scrittura ha una funzione altamente terapeutica per chi scrive, questo l’ho sempre pensato e ora ci credo ancor di più, ma quando condivisa ha un potenziale enorme anche per chi ne fruisce.

L’altro giorno sono incappata in un post che mi ha particolarmente coinvolto e divertito, e oggi voglio condividerlo con voi.
Chi scrive si trova a Kuwait City, dove si è trasferita con la famiglia per motivi di lavoro del marito. Come noi fanno parte del grande mondo degli espatriati, in gergo “expat”.
Potete leggerlo cliccando qui.
Buona lettura.

Anche se noi siamo finiti in un paese molto più “facile” credo di capire perfettamente quello di cui parla, specialmente nella clausola numero uno.

 
Ps. Lo sapevate che il termine “blog” deriva dalla contrazione di “web-log” ovvero “diario in rete”?
 

4 comments:

  1. Francesca il blog mi ha salvato. E' stato il nostro lascia passare.....una finestra sul nuovo mondo e anche su noi stesse. Ti abbraccio e grazie per la segnalzione

    ReplyDelete
    Replies
    1. Hai proprio ragione Mimma, e poi mi permette di "incontrare" persone stupende ed interessanti come voi :)

      Delete
  2. Non potevi citare un blog migliore. Adoro Mimma e Drusilla!!
    In bocca al lupo per questa avventura, Francesca!!

    ReplyDelete